Sempre e per sempre

La vita è un po’ quel momento in cui il tornello della metro non ti legge bene l’abbonamento: appare la lucetta rossa e senti quel rumore di fallimento e devastazione e ti senti come quei pupazzi senza la certificazione europea. Quelli in cui i pallini fuoriescono da un buchetto e quindi sono tutti mosci e gli occhi di plastica vengono via come niente.

Non riuscirò mai a capire quelli che dicono di odiare i francesi. Ma come si può? Cioè, davvero voi odiate i francesi più di tutti? Odiate i francesi più di quelli che dicono che non prendono niente da mangiare e poi spiluccano dal vostro piatto?

Capisco la vostra ossessione e la condivido

Capisco la vostra ossessione e la condivido

*Gridolini*

*Gridolini*

Il post lungo su Game of thrones 4x02
  • Quando Tyrion ha messo Shae sul vaporetto mi è dispiaciuto
  • Trovo veramente antipatica e inutile la storyline di quello di Misfits
  • Melisandre deve bruciare come un polletto sulla griglia a Pasquetta
  • L’hennè di Melisandre è talmente anni ‘90 che anche lei lo sa e per questo fa ammazzare la gente: per levarsi di torno le inevitabili critiche
  • Non ci hanno fatto vedere le bomboniere e io questo non lo perdonerò mai a Martin e me ne ricorderò anche tra dieci anni
  • Chi ha avvelenato Joffrey? 
  • In una scena tagliata, si vedeva Marjorie che andava all’aeroporto e andava incontro a una persona dicendo contenta: Zia Jessica!
  • Il fratello di Marjorie sta sempre come un coniglio in primavera
  • E Nonna Sassy? Sarà lei la misteriosa avvelenatrice?
  • Sansa non me la racconta giusta. E neanche Tyrion. E neanche il giullare
  • Cersei andava in giro tra i tavoli a chiedere Tutto bene? e la gente È tutto buonissimo! (ma poi secondo me la gente si lamentava)
  • Due primi e due secondi di pesce
  • Ma ora chi è il re?

cooperspooper:

when they open the buffet table to the public

image

SPOILERISSIMO GAME OF THRONES!

Il vero titolo della 4x02 è Assafà a Maronn’

Brevemente: Il Salone del Mobile si è finalmente concluso (le mie energie sono poche e timide). Ieri abbiamo rischiato la vita quando un signore con un cactus in testa ha travolto Moroso, ma abbiamo recuperato la voglia di vivere la vita cenando in un ristorando giappo-coreano uberfierce. Fin quando c’è l’all you can eat è tutto uberfierce. Comunque la zona di Via Tortona è un po’ come un quartiere malfamato, solo che al posto dei criminali ci sono i trentenni col giacchettino che dicono Guarda, ti dirò, Berlino dal 2003 non vale più niente.

La famosa settimana del Salone del Mobile #5
  • Enfin abbiamo visitato la zona più alternative urban chic hipster e fin de siècle del Fuorisalone: Ventura Lambrate
  • Arrivati nelle stradine, un’ondata di gente che si sente artista dentro ci ha travolti come l’aria calda quando apri il forno per cuocere le pizze surgelate 
  • Non ho amato tantissimo gli spazi, a parte quello utilizzato per alcune trasmissioni Sky (X Factor, Project Runway)
  • Un tizio scostumato, scendendo da una scala, ha detto a una ragazza: Bella, sposta il culo! Maleducatissimo! La ragazza è rimasta di stucco come un cucù. Invece poi in un’altra location una signora ha utilizzato l’espressione Qui c’è un’aria di umanità
  • Dice che la Polonia è il futuro e io onestamente ci voglio credere perché i polacchi sono uberfierce
  • La barba ormai è un’esclusiva gay. A voi etero è rimasta solo la Sampdoria. S O R R Y
  • Ma perché c’erano tanti bambini?
  • No, scusate, abbiamo visto due donne con un costume da salame! Mi è girata talmente tanto la testa che una signora mi ha dovuto dare una caramella Rossana
  • Ci siamo poi spostati per un aperitivo facile e veloce (quando arrivano le polpette al Noon è sempre un po’ Natale) e siamo ritornati in Triennale, dove abbiamo visto quell’incanto che è l’installazione Citizen e il misterioso piano superiore
  • Il misterioso piano superiore ospitava esposizioni di località esotiche come Hong Kong, Corea e Puglia (giuro)
  • Ho suonato le campane coreane! Anche una signora si è cimentata, ma non sapeva proprio fare niente e l’hostess dello spazio l’ha guardata con una disapprovazione chiaramente leggibile negli zigomi e nella fronte
  • Proiezioni dello spazio Hong Kong molto molto carine
  • Giardino della triennale di sera: Diversi Jon Snow
  • Siamo poi ritornati in Statale a vedere la famosa nuvola artpop e anche qui ci siamo seduti come le vecchie ai matrimoni e ci siamo goduti l’aria frescolina 
  • Oggi ci tocca la tappa forse più difficile: Via Tortona